Dolori reumatici


Chi dice che c’entra l’età, chi è convinto che, invece, la colpa sia del clima, chi li fa risalire alle cattive abitudini.

Parliamo dei reumatismi, termine che accomuna patologie molto diverse fra loro, da quelle molto dolorose alle meno preoccupanti. Che di reumatismi soffrissero anche i nostri antenati non è una consolazione anche perché oggi in Italia ci sono almeno 8 milioni di persone che ne soffrono e sono in continuo aumento. Di reumatismi, in genere, si parla poco (ecco perché sono anche chiamati "malattie del silenzio"): in comune hanno il dolore e l’i nfiammazione e non vanno affatto sottovalutati: infatti, fra tutte le malattie croniche sono la prima causa di invalidità nel mondo. Non solo. Una grave conseguenza dei reumatismi è che una volta che si sono localizzati nelle ossa e nelle articolazioni vanno a insidiarsi anche nel cuore: i dati più recenti rivelano, infatti, che il 60% delle patologie cardiache non congenite sono di natura reumatica.

I reumatismi sono disturbi a carico delle articolazioni (i punti di unione fra due ossa) che vengono compromesse da fenomeni infiammatori, degenerativi e da alterazioni cellulari: interessano in particolare legamenti, borse sierose, tendini, muscoli e tessuti fibrosi che circondano articolazioni.

Molti sono convinti che i reumatismi siano acciacchi che colpiscono in età adulta. Sbagliato.

E’ vero che l’80% di questi dolori si manifesta nella terza età (come conseguenza della degenerazione senile dei vari tessuti dell’apparato muscolo-scheletrico) ma secondo studi recenti, il 2 per cento dei reumi dà le sue prime avvisaglie entro i 18 anni e il 18% prima dei 60 anni. Tra le ipotesi più attendibili sulle cause scatenanti i reumatismi una risale agli Anni Cinquanta e afferma che alla base c’è un processo di origine infettivo – batterica, responsabile anche di appendiciti, tonsilliti, sinusiti. E se ancora oggi le cause scatenanti i reumatismi restano sconosciute (reuma è un termine greco che significa " dolori che girano") tuttavia si può guardare con fiducia al futuro perché esistono i mezzi per placare i dolori che accompagnano questi malanni.

I principali sintomi sono i dolori localizzati alle articolazioni e ai muscoli che hanno come effetto rigidità, rigonfiamenti e limitazione nei movimenti.

L’origine dei dolori reumatici è dato da fattori esterni e da fattori interni. Cominciamo a esaminare i primi, che comprendono: traumi, variazioni climatiche, postura e condizioni stressanti.

Oltre ai fattori generici che possono essere alla base dei danni alle articolazioni ci sono le cattive abitudini che favoriscono l’insorgere della malattia reumatica o che n e accentuano i disturbi. Nocivo senza dubbio è, per esempio, il soprappeso, specialmente in età adulta perché accentua lo sforzo a cui sono sottoposte le articolazioni. Per tenere sotto controllo il peso, quindi, è bene farsi consigliare dal medico diete ipocaloriche. Ma limitare quello che si mangia non basta. Occorre anche guardare alla qualità degli alimenti: l’eccessivo apporto di grassi nuoce alla cartilagine articolare, per cui è bene consumare pochi condimenti. Infine, è sempre meglio non fare vita troppo sedentaria. L’ideale per prevenire reumi e artrosi sono quegli sport che mettono in funzione il maggior numero di articolazioni me senza costringerle a sforzi eccessivi. Vanno benissimo, per esempio, il nuoto o il ciclismo, ma sempre senza esagerazioni.

L’artrite reumatroide è una delle patologie più delicata fra le forme reumatiche.

Predilige in genere il sesso femminile, interessa tutto l’organismo, è ad andamento cronico e con un iter progressivo. Si manifesta con dolore simmetrico a livello delle piccole articolazioni (mani, piedi, polsi e gomiti) ma interessa pure ginocchia, spalle, anche e colonna vertebrale. Le articolazioni colpite diventano rosse, gonfie, dolenti, calde all’esterno e con un ristagno di liquidi all’i nterno. Tipica è la deformazione della mano "a colpo di vento" dove tutte le dita sono girate da un lato. Molto dolorosa, richiede sempre l’intervento medico (del curante o dello specialista).

Traumi singoli e intensi ma anche lievi e ripetuti (per esempio in certe attività lavorative), sono fra le principali cause dei reumatismi.

Così come infezioni, infiammazioni, depositi di microcristalli (per esempio nella gotta, nella psoriasi, nelle malattie del sistema immunitario).

TRAUMI

Il trauma diretto è quello che provoca una lesione per un’azione violenta esterna su una parte limitata del corpo (contusione, distorsione, lussazione e frattura).

VARIAZIONI CLIMATICHE
Il freddo o l’esposizione a correnti d’aria inducono a una contrattura riflessa a livello muscolare con la comparsa di dolori (per esempio, il torcicollo).quando il tempo è umido, ventoso o perturbato compare la rigidità dolorosa. In genere, i dolori reumatici si accentuano quando si instaura bassa pressione.

POSTURA
Molto importante è la posizione che si assume: se non è corretta e si mantiene a lungo, essa può generare numerose affezioni reumatiche. Per esempio, le persone che lavorano con il busto piegato in avanti (segretarie, dentisti, disegnatori) o che mantengono la colonna lombare infossata mentre viaggiano o stanno sedute o guardano la televisione possono accusare dolori sia a livello cervicale sia a livello lombare.

STRESS
Quando è sottoposto a stress, l’organismo spesso reagisce aumentando il tono muscolare: in questo caso si avverte una contrattura dolorosa, un senso di peso, di oppressione o di crampo (vedi la cefalea intensiva).

Favoriscono il dolore reumatico anche fattori interni che derivano da caratteristiche della costituzione, da scarsa attività, da comportamenti alimentari o da tensioni interiori. Vediamoli uno per uno.

COSTITUZIONE
Un tono muscolare ridotto, la tendenza al soprappeso, un atteggiamento curvo del tronco sono elementi morfologici che concorrono alla formazione di carichi alterati e ripercussioni negative a carico delle articolazioni.

STILE DI VITA
Per le articolazioni il movimento costituisce un elemento vitale in quanto premette di nutrire il liquido sinoviale di ogni articolazione. La vita sedentaria, quindi, compromette la cartilagine del rivestimento articolare contribuendo al progressivo deterioramento delle strutture dell’apparato di locomozione. Per quanto riguarda gli alimenti, quelli di origine animale sono ricchi di proteine che producono sostanze che alimentano il recesso infiammatorio. Per questa ragione, chi soffre di doloro reumatici deve ridurre l’assunzione di carni, salami insaccati, latte, latticini, formaggi e uova.

TENSIONI INFERIORI
L’atteggiamento interiore riesce a modificare e a condizionare anche la postura individuale. La paura eccessiva o l’aggressività, per esempio, comportano, a livello muscolare, delle tensioni enormi mentre un atteggiamento rigido può dare origine a una certa rigidità osteoarticolare così come la depressione a seguito di un dolore fisico persistente può generare nelle persone un dolore di natura psicosomatica.

Eccovi, adesso, una serie di suggerimenti utili consigliati dagli specialisti per prevenire le forme più comuni di dolori reumatici.

1. segnalare i sintomi di allarme al medico di fiducia.
2. ridurre il consumo di proteine animali preferendo ortaggi, verdura, frutta e cereali.
3. privilegiare alimenti ricchi di calcio, manganese, silicio e zolfo.
4. evitare l’immobilità.
5. mantenere una postura corretta.
6. calzare scarpe adeguate.
7. praticare attività fisica regolare.
8. in primavera e in autunno eseguire cicli di ginnastica medica sotto controllo.
9. integrare le terapie farmacologiche con terapie comportamentali utili sia per la salute in generale, sia per la salute dell’osso e delle articolazioni (quali ginnastica, fisiokinesiterapia, yoga).
10. consultare sempre il medico nei casi di forme ostinate di dolore.

Ricerca
Zoom
- 1 2 3 + Font size

Clicca per ingrandire

Strumenti






Se vuoi saperne di più su salute, benessere e automedicazione scopri il sito Portale di salute e benessere Sapere&Salute

® Copyright Bayer S.p.A. - socio unico P.IVA 05849130157.
Sono medicinali a base di acido acetilsalicilico che possono avere effetti indesiderati anche gravi. Leggere attentamente il foglio illustrativo. Autorizzazione del 29 gennaio 2013.